Londra, attacco al Parlamento.Ucciso assalitore,tre morti e molti feriti gravi: «Auto sulla...

Londra, attacco al Parlamento.Ucciso assalitore,tre morti e molti feriti gravi: «Auto sulla folla»

901
0
CONDIVIDI
FacebookTwitterGoogle+WhatsAppEmailCondividi

 

Un suv ha investito diverse persone sul ponte sul Tamigi, in seguito un uomo armato di coltello ha ferito a morte un poliziotto davanti al palazzo di Westminster. L’assalitore è stato poi ucciso dalle forze dell’ordine . Non risultano italiani coinvolti

Attacco terroristico a Londra davanti al Parlamento britannico. Tre i morti e diversi i feriti in gravissime condizioni, 20 secondo Scotland Yard. Un’auto ha travolto diversi passanti sul ponte di Westminster e poi si è schiantata contro la cancellata che cinge il palazzo del Parlamento. Dalla macchina è sceso un uomo che, armato di coltello, ha tentato di entrare nel cortile ferendo a morte un poliziotto prima di essere colpito e ucciso dalle forze dell’ordine. I morti se si considera anche l’assalitore sono dunque quattro, tra cui anche una donna e una vittima non ancora specificata. Al momento – riferisce il Consolato italiano nella capitale britannica – non risultano cittadini italiani coinvolti nell’attacco di Londra.

Due fasi dell’attacco

Sono due le fasi dell’attacco: prima un’auto ha investito diverse persone sul ponte di Westminster. Almeno due le vittime sul ponte e diversi altri passanti feriti in modo – dicono i medici – «catastrofico». Un’altra donna è finita nelle acque del Tamigi ed è stata tratta in salvo; tra i feriti ci sono anche tre studenti francesi. Successivamente l’uomo che era nell’auto, armato di uno o due coltelli di circa 15 centimetri, ha cercato di entrare in parlamento ed ha ucciso un poliziotto nel cortile di Westminster prima di essere colpito e abbattuto dagli spari delle forze dell’ordine. Scotland Yard – che parla espressamente di terrorismo – ha specificato che l’uomo ha agito da solo, anche se l’inchiesta per terrorismo procede senza escludere alcuna pista. Tra i primi a soccorrere l’agente ferito – poi morto – il viceministro Tobias Ellwood.

L’assalitore

Nelle foto diffuse si vede un uomo di corporatura robusta, dalla carnagione scura, con il capo rasato quasi a zero ed una barba, senza baffi, ma folta in particolare sul mento. Sarebbe lui l’attentatore. Una prima testimonianza aveva riferito di un uomo con tratti asiatici di circa 40 anni. Nell’immagine l’uomo è riverso su una barella, intubato, con i paramedici che tentano di soccorrerlo. Vicino al corpo un lungo coltello da cucina con cui ha accoltellato l’agente che è poi deceduto per le ferite riportate.

Chiuso il parlamento

Al momento dell’attacco, era in corso la seduta della camera dei Comuni,che è stata subito sospesa. Erano presenti un gruppo di giornalisti internazionali: che – secondo quanto si apprende – sono ancora chiusi nell’edificio del Parlamento che è stato posto in lockdown.

Fonte: http://www.corriere.it/esteri/17_marzo_22/londra-spari-al-parlamento-ci-sarebbero-sei-feriti-457f120a-0f0e-11e7-b19a-5283fae0a63e.shtml

NON CI SONO COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO